25 Ottobre 2020

Ecco le principali misure del nuovo DPCM in vigore dal 26 ottobre al 24 novembre 2020.

BAR E RISTORANTI
Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 fino alle 18.00, compresi la domenica e i giorni festivi.

Dopo le 18 vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico mentre è consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitaria. 
E' consentita fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. 

CHIUSI E VIETATI

- Palestre, piscine e impianti sciistici, centri natatori, centri benessere, centri termali, «fatta eccezione per le prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza», centri culturali, centri sociali e ricreativi. 
- Sospese le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò, come anche quelle di parchi tematici e di divertimento.
- Vietate le sagre, le fiere ed eventi simili.
Niente feste, nemmeno con numero ridotto di invitati, comprese quelle legate a cerimonie civili e religiose. È raccomandato di non ricevere a casa persone diverse dai conviventi, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.
- Sospesi anche i concerti e tutti gli spettacoli, al chiuso e all’aperto.

 APERTI E CONSENTITI 

- parrucchieri ed estetiste.
- accesso di bambini e ragazzi a «luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, anche non formali, al chiuso o all’aria aperta.
- Ok a eventi e competizioni sportive, nonché le sedute di allenamento, degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza pubblico.

 SPORT
Stadi e i palazzetti senza pubblico.
Sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina. 

 SCUOLA 
L'attività didattica ed educativa per il primo ciclo di istruzione (materna, elementari e medie) e per i servizi educativi per l'infanzia continuerà a svolgersi in presenza. 
Le scuole superiori adotteranno una Dad pari al 75% delle attività e dunque un 25% in presenza su tutto il territorio nazionale, uniformando le ordinanze regionali.

- Raccomandato non spostarsi dal proprio Comune.

AllegatoDimensione
PDF icon dpcm_24_ottobre.pdf1.58 MB
First name: